Gruppo SportivoSito del Comune di SondrioSito della Provincia di Sondrio
User
Password
 
 Entra

Chi siamo? Siamo il Gruppo Sportivo di Triangia


Il Gruppo Sportivo di Triangia nasce formalmente il 17 febbraio del 1980, su iniziativa di un gruppo di persone che, desiderose di promuovere il territorio e creare animazione per la popolazione, decidono di dedicarsi all'organizzazione ed alla partecipazione di attività sportive e ricreative.

Primo presidente fu il Giovanni Morelli, per un breve inizio, ma il presidente storico fu da subito il Carlin, (Carlo Confeggi, indimenticato). A lui il merito di coordinare il primo gruppo di persone, con il suo carisma, determinazione, arguzia. Lo scopo iniziale dell'associazione, fu perseguito da subito.

Il nostro paese stava in una situazione ben diversa da quella che viviamo oggi: nel 1980 non c'era il campo sportivo, né il parco giochi, il lago era uno stagno senza alcuna struttura, la Chiesa priva di sagrato ed esigente di restauri, la villa Toccalli fatiscente così come il Fortino… tutte queste strutture, ed altre ancora, nel corso degli anni, grazie anche all'operosità del GST, riceveranno nuova linfa: sistemazioni, restauri, manutenzioni, nuove realizzazioni. Il Gruppo infatti, soprattutto negli anni a cavallo fra gli ottanta ed i novanta, e per buona parte di questi ultimi, destina molte delle proprie risorse ed energie a sostegno di questi progetti di carattere parrocchiale, ad uso e servizio della collettività. Infatti, la comunità paesana allora era particolarmente viva: così il GST muove i primi passi a braccetto con la Parrocchia. Sarà un'accoppiata vincente per una ventina d'anni, che porterà giovamento economico e sociale ad entrambi gli enti.

Il Gruppo è protagonista della stagione d'oro della pesca al lago: sfogliando qualche dato, oggi sembra incredibile immaginarsi 130 pescatori alla gara del Safari di S. Bernardo! O quasi 300 pescatori tesserati all'anno! Come pare impossibile pensare ad un lago senza la casetta di legno, i servizi igienici in prossimità del bosco, l'apporto doppio di acqua corrente con l'impianto di presa a Vesolo e lo scarico con la griglia filtrante per evitare le tracimazioni, la cura ed il rifacimento di parte degli argini e del sentiero costiero, i tavoli di legno sotto i castani, la cura del verde del prato e della siepe, l’allacciamento della corrente elettrica, la casetta ripostiglio degli attrezzi. L'esercizio della pesca sarà l'attività più storica fra tutte quelle sostenute. Nel rispetto del sodalizio con la Parrocchia, ente proprietario, porterà nelle casse della chiesa una cospicua provvigione annua garantita, oltre a tutti i lavori strutturali che il Gruppo eseguì, e che tutt'ora sono rimasti al servizio di tutti, e le attrezzature varie acquistate nel corso degli anni, messe gratuitamente a disposizione per le iniziative parrocchiali e di altri gruppi. Il sodalizio con la Parrocchia però, ha anche un secondo sviluppo: la Stratriangia. Alla nostra beneamata manifestazione, gli "sportivi" hanno sempre aderito in maniera più o meno rappresentativa, garantendo gare e attività varie, e assicurando manovalanza, lasciando la parte prettamente organizzativa e gli introiti al Consiglio Amministrativo Parrocchiale.

Fra le principali attività sportive nel corso degli anni, oltre alla pesca, ci sono gli anni del trial, delle gite e del calcio, sia come organizzazione di manifestazioni, che come partecipante, con una squadra capace di distinguersi nei principali tornei in giro per la Valtellina, che ai tempi andavano molto di moda. Verso la metà degli anni '80, ci sono esperienze di corsa campestre ed il primo tentativo di realizzazione dell’anello di fondo presso il parco di Triangia. Dopo la scomparsa del Carlin, sotto la presidenza di Romano Moroni, che ha raccolto la difficile eredità, inizieranno anche le gare di sci alla memoria del compianto ex presidente, e le gare di mountain bike nei dintorni del nostro territorio. Memorabile l'esperienza del 1992, in quello che per ora è l'unico passaggio del Giro d'Italia per le nostre contrade; nella tappa che Saligari (originario valtellinese) vince a Sondrio per distacco, le nostre strade si riempiono di tanta gente attratte da Indurain, Chioccioli, Chiappucci ecc… che risalgono a velocità vertiginose da Castione fino al Valico di Triangia, m. 797, così come riporta la Gazzetta dello Sport dell'epoca. In quel pomeriggio di sole, nella zona del nostro Gran Premio della Montagna, vengono distribuiti panini, salsicce e bevande varie di nostra rosticceria. In questi anni, come detto, il GS riesce a realizzare corse di Mountain Bike anche inserite nel circuito nazionale, che portano a Triangia corridori affermati, che in quegli anni correvano in nazionale (Pallhüber, Vescovo, su tutti). Più tardi, raccogliendo l'invito di collaborazione dello skyroll club di Sondrio, si farà protagonista della Sondrio - Triangia (poi divenuta Sondrio - Ligari) di questa disciplina dello sci di fondo con le rotelle. Prenderanno parte a queste gare, altri campioni affermati come la Dal Sasso, il Pozzi, il Maj, il Botvinov e quel Muehlegg che poco dopo sarà campione del mondo di sci di fondo, ma che a Triangia vince soprattutto per la simpatia e per la capacità di apprezzare il nostro vino. Negli ultimi anni poi, il GST collabora attivamente con il GS Alpi alla realizzazione della Gran Fondo di ciclismo, la classica gara di fine primavera sulle strade della Valtellina. Sono gli anni di presidenza di Fausto D'Aschieri, che ha portato al consolidarsi del gruppo anche fuori dal paese, con accordi e collaborazioni con altre associazioni della provincia, altri gruppi e con le istituzioni locali, come il Comune di Sondrio. Sono di questi tempi i successi nelle escursioni in gruppo in Val Grosina e in val Roseg, fra le altre.

    

Negli ultimi anni, il Gruppo ha intrapreso con più intensità il filone ambientale, attivandosi in giornate ecologiche e attività di sensibilizzazione e valorizzazione del territorio. Alcuni suoi consiglieri e simpatizzanti poi, si sono organizzati nella cura di vigneti e nell'allevamento di asini, maiali, mucche da latte. Il presidente diventa Pierluigi Morelli ed il vice Giovanni D’Aschieri, che intensificano i rapporti con l’ente comunale, creando convenzioni tutt’ora in essere per la gestione e la manutenzione del parco giochi, del campo sportivo, di parte del Sentiero nella Memoria: inoltre il GST è sempre in prima linea nella Giornata delle Strade e si allarga al sostegno ed alla collaborazione con tutte le iniziative di carattere promozionale, promosse anche da altri gruppi e associazioni. Siamo agli anni 2000 ed il Gruppo vive una seconda giovinezza, inventandosi la Sagra del Taroz, la Forcola by Night e facendosi carico della Festa degli anziani e di quella patronale. E nasce il sito di Triangia, che tutt’ora gestisce e che pian piano prende forma.

L’ultimo rinnovo delle cariche, tutt'ora in vigore, con la presidenza di Fabio Negri, la segreteria si nuovo affidata a Gabriele Scilironi e la vice presidenza a Dario Morella, hanno confermato i programmi dell'associazione. Infatti, sono cresciute le manifestazioni dell'agosto triangino, e il GST è ancora il gruppo di riferimento nell'organizzazione delle attività parrocchiali e territoriali della frazione. In quest’ultimo periodo nascono le collaborazioni con la fattoria didattica Lunalpina e con Lavops, ad esempio per il campo estivo dei ragazzi stranieri e non, nell’ambito del servizio civile internazionale.

L'esperienza maturata è infatti un tesoro unico da non dilapidare: ecco dunque l'apertura ad altre realtà (ad esempio la risorsa ambientale) e a varie forme di collaborazione su varie iniziative, con le istituzioni e gli altri gruppi del paese. Una citazione particolare va al Gruppo Donne, autentico grazioso pilastro, che nel corso degli anni continua ad assecondare le nostre proposte. Come fosse la terza mano del Gruppo.

Il Gruppo poi è presente in tutte quelle piccole opere banali, ma fondamentali, di cura delle proprietà parrocchiali, dal giardino di Villa Toccalli a quello delle feste, e contribuisce ancora a rimpinguare le casse parrocchiali. Nel corso degli anni poi, ha promosso anche eventi formativi come corsi di nuoto e di chitarra, o eventi culturali come l’esibizione di cori o serate di teatro dialettale.

Credo che la capacità di resistere nel corso degli anni, nonostante innegabili alti e bassi, stia nel bel clima di amicizia e complicità che si respira fra i componenti. Nei limiti di una piccola associazione, si conservano ancora le principali caratteristiche di affiatamento, amicizia ed accoglienza, e di quell'entusiasmo iniziale che tende all'autenticità ed allo spasso! Senza dimenticare quelli che purtroppo non ci sono più…



per il Gruppo Sportivo Triangia
Pierluigi Morelli
 archivio notizie